Come chiedere SOCCORSO in MONTAGNA

//Come chiedere SOCCORSO in MONTAGNA

SELEZIONA LE STELLE , E DA' IL TUO VOTO !

Anche tu nel CLUB ?

Novità e contenuti in anteprima.

Subito un Ebook FREE per te!

Come chiedere SOCCORSO [in MONTAGNA]

Se ami andare in Montagna devi essere consapevole dei pericoli.

Anche per questo è importante pianificare con cura la tua escursione.

Ma se qualcosa dovesse andar storto?

E’ importantissimo sapere a chi chiedere aiuto.

Ma anche come.

Vedremo per questo

  1. Quando chiedere aiuto in Montagna

  2. Come chiedere aiuto in Montagna

  3. A chi chiedere aiuto in Montagna

1

QUANDO CHIEDERE AIUTO

Sono molti i motivi per i quali trovarsi a chiedere aiuto, durante un’escursione in montagna.

Può succedere infatti in caso di

  • smarrimento

  • infortunio

  • caduta

  • cattivo tempo

  • buio

Questo vale sia se succeda

  • a te
  • ad un tuo compagno di escursione
  • a qualcuno che trovi lungo il sentiero.

In tutti i casi, anche se con gravità differenti, sarà indispensabile l’aiuto di qualcun altro.

  • Ma come chiedere aiuto?

E quello che imparerai subito.

Chiedere aiuto in Montagna
2

COME CHIEDERE AIUTO

Il mezzo più semplice è fare una telefonata.

Ma in Montagna, spesso il telefono non ha campo.

Un’ottima alternativa è un localizzatore satellitare, ma sono in pochi ad averlo con se.

Anche avere con se un apparato radio, soprattutto se dotato di un proprio identificativo ID della Rete Radio Montana, potrebbe essere un asso nella manica.

Per riuscire ad avvisare qualcuno nelle vicinanze.

Se però non hai nessuna delle possibilità appena elencate, devi ricorrere a mezzi più tradizionali.

Ovvero ai Segnali di Soccorso in Montagna

Li vedremo uno ad uno.

FISCHIETTO

Avere sempre con te un fischietto è un’ottima scelta.

Meglio ancora se fa parte di un Kit di sopravvivenza, da avere nello zaino.

Prendilo seriamente in considerazione.

Il suono emesso con un fischietto, ti permette di aggiungere ampie distanze, non possibili con la sola voce.

E di non sprecare inutilmente energie.

Tieni il fischietto sempre al collo, o quantomeno alla portata di mano.

Ecco la “Richiesta d’Aiuto” tramite un fischietto:

  • 6 fischi in un minuto ( 1 ogni 10 secondi )

  • Pausa 1 minuto

  • Ripetere 6 fischi in un minuto ( 1 ogni 10 secondi)

Lo stesso principio vale per la segnalazione ottica (pila, ecc.)

Kit Sopravvivenza Montagna: Fischietto

FUOCO

Anche accendere un fuoco può esserti d’aiuto.

Il fumo può essere visto a lunga distanza.

Soprattutto se, dopo l’accensione, sovrapponi al fuoco legna e foglie verdi.

Di notte è necessario un fuoco vivo e più grande.

Facendo ovviamente attenzione a quello che ti sta attorno.

ELIOGRAFO

Serve per riflettere il sole.

Può essere uno specchio, una piastra di metallo, meglio se con foro centrale, da utilizzare come mirino.

Puoi utilizzare anche

  • una lattina
  • un foglio di alluminio
  • un pezzo di telo termico
  • qualsiasi oggetto a tua disposizione.

E’ un ottimo segnalatore visibile a lunga distanza.

Anche se non riesci a intravedere nessuno, fai delle segnalazioni in tutte le direzioni.

Qualcuno potrebbe vederti.

Anche il flash di una macchina fotografica, o una torcia, può avere la stessa efficacia.

segnali di aiuto in montagna

SIMBOLI TERRA-ARIA

Una segnalazione sul suolo può essere rilevata da un aereo o elicottero che ti sorvolerà.

Disegna sul terreno un “SOS” il più grande possibile (5 metri circa).

Usa qualsiasi cosa a tua disposizione, meglio se in contrasto con la superficie del terreno.

Puoi utilizzare

  • rami
  • sassi
  • indumenti
  • corteccia
  • scritta sulla neve (inverno)
segnali soccorso terra aria in montagna
3

A CHI CHIEDERE AIUTO

La richiesta di aiuto deve essere fatta al CNSAS ovvero al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.

Componendo il NUMERO TELEFONICO 118

Esiste anche il numero unico di Emergenza Europeo, ovvero il 112.
Ma non è attivo ovunque.

Meglio prediligere quindi il 118.

E’ indispensabile fornire all’operatore, tutte le informazioni necessarie ovvero

  1. Da dove stai chiamando (montagna, grotta, bosco..)
  2. Il numero telefonico dal quale stai chiamando
  3. Le tue generalità
  4. La località dove di trovi (luogo, provincia) meglio ancora, se possibile, la tua posizione GPS
  5. Cosa e quando è successo
  6. Quante persone coinvolte
  7. Le condizioni del ferito/i

SEGNALI CON ELICOTTERO

Nel caso si stia avvicinando un elicottero o un aereo ecco la segnalazione internazionale, per richiedere aiuto.

Utilizzando, spalle al vento, le tue braccia.

Segnali con elicottero in Montagna

Ora sai come chieder soccorso in Montagna.

Avrai capito da solo che avere con te un localizzatore satellitare oppure un radio ricetrasmittente può semplificarti di molto la vita.

Pensaci!

Se desideri rimanere informato, sappi che puoi entra anche tu nel CLUB  Sentieri Montagna.

Ti avviserò all’uscita di un nuovo articolo, ma ci saranno anche molte novità riservate agli iscritti.

Sarà un piacere poter discutere assieme su una nostra passione: la Montagna!

Ma anche delle sue 1000 sfaccettature. 🙂

Ovviamente l’iscrizione è gratis e sicura!

Ora tocca a te!

  • Ti sei mai trovato/a in difficoltà?
  • Che strategia hai utilizzato?
  • Ti è piaciuto l’articolo?
  • Qualcosa da aggiungere?
  • Hai trovato qualche errore? 🙂

Fammi sapere cosa ne pensi.

Lasciando un TUO COMMENTO qui sotto.

Anche tu nel CLUB ?

Novità e contenuti in anteprima.

Subito un Ebook FREE per te!
2018-11-18T14:56:23+00:00Novembre 11th, 2018|attrezzatura|

About the Author:

Attratto dalla Montagna, amo esplorarla e conoscerla in solitudine. Ma anche assieme alla mia famiglia. Non sono una guida, e non voglio essere un esperto. Anche perché gli esperti hanno spesso la presunzione di non aver più nulla da imparare. Vivo a 830 m, nell'Altopiano dei Sette Comuni, in provincia di Vicenza. Blogger per passione, adoro gli U2, detesto gli arroganti e chi se la tira. "Scalare non serve a conquistare le montagne; le montagne restano immobili, siamo noi che dopo un'avventura non siamo più gli stessi." Royal Robbins

2 Comments

  1. Barbara Vicario 12 Novembre 2018 at 19:04 - Reply

    Articolo molto utile, come sempre, tanti suggerimenti precisi con soluzioni a cui, se non sei esperto, non si pensa, ed ogni volta che leggo so qualcosa di più: grazie!

    • Edoardo Cortese 12 Novembre 2018 at 21:17 - Reply

      Grazie a te Barbara, mi fa piacere ti sia stato utile!
      Poi sai come la penso, lo ho anche scritto.
      Non sono e non voglio essere un esperto.
      Perché gli esperti hanno spesso la presunzione di non aver più nulla da imparare.
      Faccio il possibile per essere meno ignorante, del giorno prima.
      E condividere quello che scopro su Sentieri Montagna. 😉
      Grazie ancora per il tuo commento.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Anche tu nel CLUB ?

Novità e contenuti in anteprima.

Subito un EBOOK free per te!
close-link

Ami la MONTAGNA?

Entra anche tu nel CLUB!
Novità e contenuti esclusivi

E c'è un EBOOK gratuito per te
close-link