Ami la MONTAGNA?

Entra anche tu nel CLUB!
Novità e contenuti esclusivi

E la Guida "CAMMINARE IN MONTAGNA" riservata!
L'iscrizione è Gratuita e Sicura !

Come scegliere un BINOCOLO da Montagna

Raggiungere la vetta.

Dopo una bella escursione.

Per goderti il panorama, ad occhio nudo.

Ma potresti avere di più.

Come ammirare i dettagli in lontananza.

O gli animali selvatici, che pascolano attorno a te

Lo puoi fare solo se hai con te un binocolo.

Esistono ottimi marchi come

Tanta scelta, fra cui trovare il miglior binocolo.

Vorresti sapere:

  1. Cos’è un binocolo

  2. Cosa servono i prismi

  3. Quali le caratteristiche principali

  4. Come scegliere un binocolo da Montagna

  5. Binocolo Escursionismo Uso e Consigli

Aguzza la vista Escursionista Trekking.

Scoprirai cose molto interessanti! 🙂

#1

COS’È UN BINOCOLO

Il binocolo è uno strumento otttico che ti permette di vedere molto più lontano di quanto riusciresti a fare ad occhio nudo.

Attraverso l’ingrandimento.

Questo è possibile perché le lenti presenti all’interno dello strumento, ingrandiscono di X volte l’immagine che vedi.

A differenza del cannocchiale, il binocolo ti permette di sfruttare inoltre la visione binoculare.

La visione binoculare, anche detta visione stereoscopica o stereopsi o stereopsia, è una caratteristica del sistema visivo, propria di alcune specie animali, quali l’essere umano.

Questa avviene in genere per un campo ristretto rispetto alla più ampia visione bi-oculare, e proprio quando entrambi gli occhi partecipano alla visione dello stesso soggetto o della stessa area di campo.

Ovvero, quando la parte del singolo campo visivo monoculare dell’occhio destro, può sovrapporsi alla stessa parte visibile anche dal singolo campo visivo monoculare dell’occhio sinistro, formando appunto una singola immagine binoculare. (Fonte Wikipedia)

Binocolo Escursionismo consigli
#2

PARLIAMO DI PRISMI

Devi sapere che la luce, e di conseguenza l’immagine, che passa attraverso le lenti d’ingrandimento del binocolo arriva al tuo occhio capovolta.

Come vedere una persona a testa in giù, ribaltata.

Per raddrizzare l’immagine, e riportarla al suo orientamento naturale, vengono utilizzati dei prismi in vetro.

Posti all’interno del binocolo.

I prismi, attraverso una serie di riflessioni, raddrizzano l’immagine.

Esistono due principali tipi di prisma:

  1. Prisma di Porro

  2. Prisma a tetto

PRISMA DI PORRO

Il prisma di porro è un sistema di riflessione fra due prismi in vetro contrapposti.

Inventato dall’ingegnere Ignazio Porro attorno al 1850, il prisma porro permette di perdere pochissima luce fra una riflessione e l’altra.

Meno luce si perde nel tragitto fra la lente ed il tuo occhio, più luminosa sarà l’immagine che visualizzerai.

Un sistema quindi semplice ed efficiente.

L’altro lato della medaglia è che è un sistema relativamente pesante ed ingombrante.

Adatto quindi ad essere installato solo su un binocolo di una certa dimensione.

PRISMA A TETTO

E un sistema più complesso rispetto al prisma di porro.

Ed è anche più costoso.

In un prisma a tetto, la luce, e quindi l’immagine che arriva dalla lente, deve toccare più superfici riflettenti.

Prima di arrivare raddrizzata al tuo occhio.

Un sistema che, in linea di principio, tende a perdere luminosità e nitidezza dell’immagine.

Rispetto ad un prisma di porro.

Ma è un sistema più leggero e compatto.

Adatto per la costruzioni di binocoli dalle dimensioni ridotte.

come scegliere un buon binocolo
#3

CARATTERISTICHE BINOCOLO

Abbiamo già visto il tipo di prisma.

Ma è solo una delle caratteristiche importanti in un binocolo.

Vediamo assieme le altre.

Ingrandimento e luminosità

Il grado di ingrandimento, rappresentato da un numero, indica quante volte l’immagine viene ingrandita.

Ad esempio, in un binocolo 8×50 l’immagine viene ingrandita 8 volte.

Il secondo numero, ovvero 50, rappresenta il diametro della lente

Maggiore è il diametro della lente, maggiore sarà la luminosità del binocolo.

Riassumendo quindi, in un binocolo 8×50

  • 8: indica quante volte l’immagine viene ingrandita
  • 50: indica il diametro della lente, espresso in mm

Tieni presente che, aumentando il diametro della lente, aumenta si la luminosità.

Ma anche la dimensione ed il peso del binocolo.

Ma ne riparleremo fra poco.

escursionista trekking

Campo Visivo

Rappresenta l’ampiezza, ovvero la larghezza dell’immagine che riesci a visualizzare nel binocolo.

Ad una distanza di 1000 metri.

Ad esempio, un campo visivo pari a 136 significa che

  • ad una distanza di 1000 metri
  • il massimo spazio di campo trasversale osservato è pari a 136 metri

Chiaro no! 🙂

E’ un dato riportato chiaramente nelle caratteristiche di ogni binocolo.

Lo puoi quindi verificare semplicemente.

Attenzione: aumentando l’ingrandimento diminuisce il campo visivo.

Quindi un binocolo 10×50 ha un campo visivo minore rispetto ad un binocolo 8×50.

Il campo visivo viene espresso anche in gradi.

E’ sufficiente moltiplicare tale valore per il coefficiente pari a 17,5.

Ottenendo così il campo visivo espresso in metri.

Ad esempio un binocolo con campo visivo pari a 7,8° corrisponderà a 136,5 metri infatti:

  • Campo visivo = gradi 7,8 x 17,5 coefficiente= 136,5 metri

Questo metodo è affidabile però solo per ampiezza d’angolo fino a 10° !

binocolo nikon

Trasmissione luminosa

Espressa in %, indica quanta luce arriva al tuo occhio.

Più elevata è la percentuale, migliore sarà il binocolo.

Perché più luminosa sarà l’immagine che visualizzerai.

Caratteristica molto importante se intendi utilizzare il tuo binocolo all’alba o dopo il tramonto.

A ciò contribuisce molto la qualità e la nitidezza delle lenti.

Utilizzando vetri di alta qualità come il Bk7 oppure Bak4.

L’ottima luminosità è resa inoltre possibile anche attraverso dei trattamenti superficiali (coating).

Che limitano la dispersione della luce, durante il percorso verso il tuo occhio.

I binocoli di media e alta gamma vengo riempiti inoltre, al suo interno, con gas nobili.

Per evitare la formazione di condensa e quindi l’appannamento interno delle lenti.

Compensazione diottrica

Regolazione importantissima, perché ti permette di mettere perfettamente a fuoco entrambi gli occhi.

Compensando la diversa capacità visiva fra l’occhio destro e sinistro.

Così come la regolazione delle conchiglie oculari, per riparare gli occhi dal sole e regolare la distanza della pupilla.

Ecco come procedere:

  1. Impugna il binocolo e regola le conchiglie oculari
  2. Avvicina il binocolo agli occhi
  3. Con l’occhio sinistro guarda attraverso il binocolo mettendo a fuoco l’immagine con la rotella “messa a fuoco “ principale
  4. Guarda ora la stessa immagine solo con l’occhio destro, mettendo a fuoco utilizzando però ora la rotella di compensazione diottrica

Tutto qua! 😉

binocolo caratteristiche
#4

COME SCEGLIERE UN BINOCOLO DA MONTAGNA

Sai ora quali sono le caratteristiche principali.

Dovrai trovare un giusto equilibrio fra

  1. ingrandimento

  2. luminosità

  3. peso e ingombro

Molto dipende dalle tue abitudini durante un Trekking.

Se intendi ad esempio trasportare il binocolo al collo oppure dentro allo zaino.

Approfondiamolo assieme.

Ingrandimento

E’ bene scegliere un ingrandimento che non superi il 10X.

Oltre è indispensabile utilizzare un treppiede, per evitare tremoli delle mani e quindi immagini poco nitide.

Un fattore

  • 7X
  • 8X
  • o 10X

è secondo me più che sufficiente.

Per le tue escursioni in Montagna.

binocolo zeiss

Luminosità

Avere un binocolo con un buon diametro delle lenti,  ti permette di osservare immagini molto luminose.

E di scrutare gli animali all’alba come i paesaggi dopo il tramonto.

Ma anche praticare birdwatching (osservare i volatili).

Una lente con diametro di 40/50 mm è un’ottima soluzione.

Io utilizzo da anni un binocolo 8×50 e sono molto soddisfatto.

Il peso è l’ingombro non sono per niente ridotti, ma quando lo estraggo dallo zaino…rimango sempre a bocca aperta! 🙂

Peso e ingombro

Valutare il peso e l’ingombro del tuo binocolo è molto importante.

Bisogna tenere in considerazione

  • sesso
  • forza fisica
  • pratica

Ho provato un binocolo marino da favola.

Ma bisogna essere un marines, per riuscire a tenerlo fermo vicino agli occhi oltre qualche minuto!

Ti consiglio quindi di provarlo, tenendolo saldamente in mano.

Per capire la tua forza e la tua resistenza.

A nulla serve uno spettacolare binocolo se non riesci a tenerlo davanti a tuoi occhi.

Per più di qualche secondo! 🙂

swarovski optik
#5

BINOCOLO ESCURSIONISMO CONSIGLI

Hai ora molte informazioni.

E sai come scegliere un binocolo da Montagna.

Sei arrivato in vetta, ecco come fare:

  1. Divarica leggermente le gambe
  2. Regola le conchiglie oculari
  3. Regola l’apertura/chiusura del binocolo facendolo combaciare con il tuo interasse pupillare
  4. Metti a fuoco e regola la compensazione diottrica
  5. Goditi il paesaggio! :-O

Ecco inoltre alcuni semplici consigli

  • non guardare il sole con il binocolo (lesioni agli occhi)
  • non camminare mentre utilizzi il binocolo (ostacoli, cadute)
  • attenzione agli urti
  • usa il treppiede per lunghe osservazioni
  • effettua regolarmente la pulizia
  • custodiscilo con cura, anche dentro lo zaino

Se desideri rimanere informato, sappi che puoi entra anche tu nel CLUB  Sentieri Montagna.

Ti avviserò all’uscita di un nuovo articolo, ma ci saranno anche molte novità riservate agli iscritti.

Sarà un piacere poter discutere assieme su una nostra passione: la Montagna!

Ma anche delle sue 1000 sfaccettature. 🙂

Ovviamente l’iscrizione è gratis e sicura!

Ora tocca a te!

Ma prima di partire per la tua prossima esplorazione fammi conoscere il tuo parere.

  1. Ti piacerebbe possedere un binocolo?

  2. Cosa apprezzi ma anche quali le tue difficoltà?

  3. Lo utilizzi già un in Montagna?

Fammi conoscere il tuo parere.

Lasciando un tuo commento qui sotto.