Ami la MONTAGNA?

Entra anche tu nel CLUB!
Novità e contenuti esclusivi

E la Guida "CAMMINARE IN MONTAGNA" riservata!
L'iscrizione è Gratuita e Sicura !

CIMA DELLA CALDIERA

Alla scoperta di Cima della Caldiera, ma anche del Monte Ortigara.

Due dei luoghi storici più significativi, nell’Altipiano dei Sette Comuni.

Segni indelebili degli eventi bellici durante il conflitto Mondiale del 1915-1918.

Un unico affascinante sentiero, per scoprirle entrambi.

Fra storia, natura e ricordi.

CARATTERISTICHE

I

INTRO

Siamo nell’Altopiano di Asiago.

L’Altopiano dei 7 Comuni in provincia di Vicenza.

Sulle Alpi Orientali che si affacciano sulla Valsugana.

Il sentiero “Cima della Caldiera”, identificato come Sentiero CAI 841, parte dal Piazzale Lozze (m 1.771).

Voltando il tuo sguardo a nord noterai alla tua destra, la tabella che indica il punto di partenza.

Alla tua sinistra parte invece il sentiero CAI 840 che punto dritto verso il Monte Ortigara.

itinerario cima della caldiera
I

ITINERARIO CIMA DELLA CALDIERA

Il sentiero percorre inizialmente la strada militare, che partiva da Passo Stretto (l’attuale Piazzale Lozze) per raggiungere Cima Caldiera.

Utilizzata per i rifornimenti delle truppe al fronte.

Aggirando la Cima della Campanella (m 1.989) raggiungerai, dopo 50 minuti, un’importante sistemazione logistica.

Posta ai piedi del versante sud-est di Cima Caldiera.

L’area venne realizzata fra l’estate del 1916 e l’ottobre del 1917.

Una base tattica cruciale, per il rifornimento delle truppe sul fronte del Caldiera-Ortigara.

Ma anche punto nevralgico da dove partiva una ragnatela di camminamenti e trincee.

Sei gallerie parallele scavate nella roccia, celate esternamente da baraccamenti, avevano la funzione di magazzino di attrezzatura e viveri.

Ma anche

  • munizioni per l’artiglieria e
  • proiettili per la fanteria.
sentiero della caldiera

SENTIERO DELLA CALDIERA

Dalla base logistica, il sentiero CAI 841 segue sempre la strada mulattiera incrociando, più avanti, il sentiero CAI 842.

Proveniente dai Castelloni di San Marco.

All’ultimo tornante, prima di raggiungere i piedi di Cima Caldiera, alla tua destra, la deviazione per raggiungere l’Osservatorio Torino.

Postazione di osservazione militare verso il Monte Ortigara, denoninato “Elsa G”

Ora spettacolare punto panoramica sulla Valsugana e verso la catena del Lagorai.

osservatorio torino cima caldiera

CIMA CALDIERA

Lasciato l’Osservatorio Torino percorrerai a ritroso un breve tratto.

Fino ad incrociare nuovamente il sentiero CAI 841.

In pochi minuti raggiungerai la selletta a quota 1.928 metri e da li, svoltando a sinistra sarai sulla vetta della Cima Caldiera ( 2.124 m).

Il panorama che ti si presenta davanti è veramente molto bello.

Voltando lo sguardo in senso orario potrai notare:

  • Monte Lozze con la statua della Madonna del Lozze
  • Monte Chiesa
  • Monte Forno
  • Cima XII
  • Monte Campigoletti
  • Monte Ortigara

Un visuale ampia e ricca, da non perdere.

Tutto attorno le trincee italiane di seconda linea.

Base di partenza per il Monte Ortigara.

POZZO DELLA SCALA

Il percorso inizia ora a scendere di quota.

Per raggiungere dopo 15/20 minuti Pozzo della Scala.

Con un dislivello quindi di m 124 circa.

pozzo della scala

Pozzo della Scala è una avvallamento posto fra Cima Caldiera e il Monte Ortigara.

Riparato però dal Monte Campanaro.

Un posto ideale quindi per il ricovero delle truppe italiane in caverna e nelle baracche.

Ma anche per il deposito di

  • viveri
  • materiali e munizioni.

Fu un punto strategico per l’attacco al Monte Ortigara nel giugno del 1917.

Mentre cammini, sotto ai tuoi piedi, noterai la conformazione carsica del terreno.

Con le rocce profondamente plasmate dall’acqua e dal vento!

caldiera ortigara

MONTE CAMPANARO

Il sentiero CAI 841, aggirando il Monte Campanaro, si immerge ora fra i mughi.

Incrociando il sentiero CAI 840.

Raggiungerai prima il vallone dell’Agnelizza e poi il famoso Passo dell’Agnella.

Sei ora ai piedi del Monte Ortigara.

A destra puoi raggiungere “Quota 2003” importante caposaldo austriaco.

A sinistra inizia la salita verso quota 2.101 m del Monte Otigara.

Un percorso ripido fra scalini naturali, funi in acciaio, reti di protezione.

Sotto di te, a strapiombo, la Valsugana.

cima caldiera monte ortigara

MONTE ORTIGARA

Raggiungerai quindi quota 2.086 metri dove sorge il caratteristico Monumento Austriaco.

Più avanti a breve distanza la “Colona Mozzata”, il cippo italiano sul Monte Ortigara.

Un simbolo importantissimo per tutti gli Alpini.

Ma anche per gli abitanti dell’Altopiano dei 7 Comuni.

monte ortigara asiago

Più avanti, in direzione Monte Campigoletti, la Campana dell’Ortigara.

Il cui suono ricorda le migliaia di ragazzi italiani ed austriaci.

La cui vita si è interrotta tristemente quassù.

campana ortigara

RITORNO

Lasciato il Monte Ortigara, il tuo cammino prosegue in discesa.

Percorrendo il Sentiero CAI 840.

Raggiungerai “Baito Ortigara” ( 1.973 m), punto di appoggio in caso di necessità.

Il sentiero quindi si immerge nel bosco di pino mugo, con direzione “Chiesetta del Lozze

Ma raggiungerai prima l’imponente statua della” Madonna dl Lozze”.

Poco sotto, ecco la Chiesetta del Lozze e il piccolo ossario.

Il percorso prosegue ora lungo la strada militare.

Che ti porterà nuovamente a Piazzale Lozze.

Punto di partenza ed arrivo di questo entusiasmante sentiero.

chiesetta del lozze
I

INFO SENTIERO

INIZIO DELL’ITINERARIO
Piazzale Lozze (1771)

ARRIVO DELL’ITINERARIO
Piazzale Lozze (1771)

PARCHEGGIO
Ampio parcheggio Gratuito sul Piazzale Lozze.

COME ARRIVARE

Attenzione: il percorso prevede un tratto non asfaltato!
Da Gallio prendi la strada asfaltata che porta verso il comprensorio sciistico Melette.
Raggiungerai, dopo 8 Km e 15′ circa la Malga Campomuletto.
Qui inizia il tratto di strada bianca, lungo 6 Km, che percorrerai in 25′.
Procedi con cautela perché alcuni tratti, soprattutto dopo qualche acquazzone, presentano buche profonde,
Troverai quindi il secondo tratto di strada asfaltata, lungo 5 Km che ti porterà in 15′ fino al Piazzale Lozze, punto di partenza del sentiero.
Riassumendo quindi, partendo da Gallio, impiegherai:

  • 50′ complessivi
  • per percorrere 19 Km
S

SCHEDA ESCURSIONE

Sei del CLUB?

Inserisci la password riservata, e scarica subito la “SCHEDA ESCURSIONE”  FREE !

Da portare con te durante l’escursione.

Non sei uno di noi?

Iscriviti subito, ed Entra nel Club! 😉

Riceverai la password riservata ai Membri.

C

CONCLUSIONE

Potresti scoprire altri entusiasmanti sentieri sull’Altopiano di Asiago.

Esplora la cartina, scegli il tuo obiettivo, punta il dito.

Inizia l’avventura! 🙂

BUON TREKKING !