Monte CAMPIGOLETTI

SELEZIONA LE STELLE , E DA' IL TUO VOTO !

Ami la MONTAGNA?

Entra anche tu nel CLUB!
Novità e contenuti esclusivi

E c'è un EBOOK gratuito per te
Odio lo SPAM. La tua mail è al SICURO!

MONTE CAMPIGOLETTI

Una zona impregnata di storia, un punto strategico importante.

Il Monte Campigoletti, anche se spesso poco nominato, è stato una vetta cruciale durante il conflitto sul Monte Ortigara.

Oggi ti porto con me alla scoperta di un posto panoramico privilegiato.

Per ammirare molte delle vette riportate sui libri di Storia.

E visitare anche il luogo più freddo d’Italia.

CARATTERISTICHE

I

INTRO

Percorrerai il sentiero CAI 839, in una delle zone più note dell’Altopiano di Asiago (VI).

Avrai modo di avere una panoramica completa, sulla zona del conflitto.

E percorrere tratti della Erzherzog Eugen Strasse, la strada bianca militare realizzata dagli austriaci per rifornire il fronte.

Monte Campigoletti: itinerario
I

ITINERARIO

Il sentiero inizia a quota 1712, presso “Piazza delle Saline”.

Raggiungibile in auto partendo da Gallio (VI),

Il percorso a piedi inizia esattamente nell’incrocio fra la strada bianca che sale da Malga Fiara ed il tratto che collega il Monta Ortigara con Malga Pozze.

Piazza delle Saline

SELLETTA CAVIGLIA

Il primo tratto, lungo 1,5 Km circa,  percorre la strada bianca che ti porta, dopo 10 minuti presso Selletta Caviglia (1765 m).

Un piccolo valico dedicato al Generale Enrico Caviglia, comandante della 29a divisione di fanteria, durante la battaglia dell’Ortigara.

Selletta Caviglia

GROTTA DEL LAGO

Da Selletta Caviglia il percorso abbandono la strada bianca, virando a destra, dove inizia il  sentiero ben tracciato che punta verso il Monte Origara.

Segendo il sentiero, che attraversa i prati d’alta quota, raggiungerai un ex cimitero militare, indicato da una croce in legno.

Il luogo è facilmente identificabile anche dalla presenza di un piccolo baito decadente.

Da qui puoi raggiungere sulla sinistra, abbandonando momentaneamente il sentiero, la Grotta del Lago.

Una voragine carsica, dove è possibile trovare l’acqua, ma spesso anche il ghiaccio.

Grotta del Lago Asiago

MALGA POZZE

Ripreso il tracciato principale ti immergerai, nel bosco, non particolarmente fitto, composto da Pino Mugo ed alti Larici.

Lungo il cammino assaporerai il profumo intenso di Pino mugo.

Ma incontrerai anche i resti dei ricoveri in pietra, utilizzati come riparo da soldati.

Arriverai in breve nei pressi di Maga Pozze, punto di incrocio con il sentiero che giunge dal Monte Forno.

Sono ben visibili anche qui i resti in pietra dei ricoveri Militari

Prosegui il cammino, tenendo la tua destra .

Monte Campigoletti escursione

MONTE FORNO

Il sentiero inizia a salire, seguendo il fondo valle, circondato su entrambi i lati da folta vegetazione.

Gradatamente la pendenza aumenta, lungo un sentiero che prosegue, ad un certo punto, con un susseguirsi di tornanti.

Puoi ammirare in lontananza il Corno di Campo Bianco ed il Corno di Campo Verde.

forno campigoletti

MONTE CHIESA

Il sentiero sbuca nella strada militare Erzherzog Eugen Strasse che congiunge Bivio Italia con il Monte Chiesa.

Svoltando a destra puoi raggiungere, in 15 minuti, la vetta del Monte Chiesa.

Luogo storico ricco di postazioni e baraccamenti militari.

Il cammino prosegue ora lungo una strada sterrata pianeggiante, quindi poco impegnativa.

Di fronte a te in lontananza Cima XII, la regina dell’ Altopiano di Asiago.

La vetta più alta dei 7 Comuni ma anche di tutta la provincia di Vicenza.

Monte Chiesa Campigoletti

CIMITERO CAMPIGOLETTI

Giungerai nuovamente ad un punto di incrocio, e avrai l’accortezza di prendere il tratto alla tua destra, con direzione Monte Ortigara/Cimitero Campigoletti.

In direzione opposta raggiungeresti Bivio Italia.

Inizia ora il più bel tratto del sentiero CAI 839.

La strada militare è bella e larga, con ampia visuale attorno a te.

L’ambiente carsico è veramente particolare, con le rocce che affiorano ovunque.

Dopo circa 30 minuti di cammino, raggiungerai il Cimitero Campigoletti.

Il Cimitero Campigoletti è uno dei molti cimiteri sparsi sull’area.

Raccoglieva le salme di 23 ufficiali ed oltre 400 soldati.

cimitero monte campigoletti

MONTE CAMPIGOLETTI

Abbandonando il sentiero puoi raggiungere la cima del Monte Campigoletti.

Pur non essendo molto alta, la sua posizione centrale ti permetterà di godere di un panorama unico.

Girando su te stesso puoi scrutare l’ampia zona di battaglia.

Ma anche molte cime a vista d’occhio

  • Monte Forno,

  • Monte Chiesa

  • Cima XII

  • Monte Ortigara

  • Cima Caldiera

Un ampio territorio, dove sono evidenti i numerosi crateri provocati dalle esplosioni belliche.

Monte Campigoletti: panorama

MONTE ORTIGARA

Riprendendo il sentiero 839, dopo circa 10 minuti, incrocerai un bivio.

Svolata a sinistra. 

Potrai così raggiungere la sommità del Monte Ortigara incontrando prima però la famosa campana.

Ci sono molti sentieri che ti permettono di raggiungere il Monte Ortigara.

Come il sentiero CAI 840.

Ti consiglio di visitarlo.

Oltre all’intenso spessore storico ed emozionale, potrai godere di un panorama meraviglioso.

campana monte ortigara

CAMPOLUZZO

Dalla cima del Monte Ortigara, ripercorri a ritroso in discesa lo stesso percorso di andata.

Fino a raggiungere il precedente bivio.

Svolti ora a sinistra con direzione Piazza Saline scendendo lungo la Val Agnella, passando nei presi della Pozza dell’Ortigara fino a raggiungere Campoluzzo.

Campoluzzo, chiamato anche Campi Lussi, è un dolina, un verde avvallamento naturale.

La conformazione del terreno, ed il particolare microclima, lo hanno reso famoso per essere stato più volte il punto più freddo d’Italia.

Per questo è presente anche una piccola stazione meteo, per il rilevamento continuo della temperatura.

E’ presente inoltre un bellissimo bivacco realizzato completamente in legno.

Aperto tutto l’anno, è un ottimo punto di appoggio per riparo, soggiorno o pernottamento.

Se ti volterai, in direzione nord/est, noterai in lontananza la statua della madonna del Lozze.

campi lussi

Da Campoluzzo il sentiero prima sale leggermente, immergendosi nel bosco  per riprendere poi nuovamente la discesa.

Sboccherà sul tratto di strada bianca, che avevi già percorso nella fase iniziale del percorso.

Svoltando a sinistra raggiungerai nuovamente Piazza Saline, punto di partenza ed arrivo dell’escursione.

I

INFO SENTIERO

INIZIO DELL’ITINERARIO
Piazza delle Saline ( 1712 m)

ARRIVO DELL’ITINERARIO
Piazza delle Saline ( 1712 m)

PARCHEGGIO
Lungo il ciglio della strada, nel punto di partenza.

COME ARRIVARE
Attenzione: il percorso prevede un tratto non asfaltato!
Da Gallio (VI) prendi la strada asfaltata che porta verso il comprensorio sciistico Melette.
Raggiungerai, dopo 8 Km e 15′ circa la Malga Campomuletto.
Qui inizia il tratto di strada bianca, non in ottime condizioni.

Procedi quindi lentamente e con prudenza.
Dopo 1 Km raggiungerai un bivio.
Svolta a sinistra verso Malga Fiara.
Raggiungerai quindi, dopo 5 Km circa e 30’ Piazza Saline.

Riassumendo, partendo da Gallio (VI)

  • 14,5 Km
  • in 50 minuti
S

SCHEDA SENTIERO

Sei del CLUB?

Inserisci la password riservata, e scarica subito la “SCHEDA SENTIERO”  FREE !

Da portare con te durate l’escursione.

Non sei uno di noi?

Iscriviti subito, ed Entra nel Club! 😉

Riceverai la password riservata ai Membri.

C

CONCLUSIONE

Potresti scoprire altri entusiasmanti sentieri sull’Altopiano di Asiago.

Esplora la cartina, scegli il tuo obiettivo, punta il dito.

Inizia l’avventura!

Ora tocca a te!

Hai già fatto qualche sentiero nell’Altopiano di Asiago?

Quale ti piacerebbe fare?

Qualche dubbio?

Lascia un tuo COMMENTO!

Ami la MONTAGNA?

Entra anche tu nel CLUB!
Novità e contenuti esclusivi

E c'è un EBOOK gratuito per te
Odio lo SPAM. La tua mail è al SICURO!
2018-10-28T18:19:36+00:00ottobre 28th, 2018|altopiano di asiago, sentieri, sentieri & ciaspole, veneto|

About the Author:

Attratto dalla Montagna, amo esplorarla e conoscerla in solitudine. Ma anche assieme alla mia famiglia. Non sono una guida, e non voglio essere un esperto. Anche perché gli esperti hanno spesso la presunzione di non aver più nulla da imparare. Vivo a 830 m, nell'Altopiano dei Sette Comuni, in provincia di Vicenza. Blogger per passione, adoro gli U2, detesto gli arroganti e chi se la tira. "Scalare non serve a conquistare le montagne; le montagne restano immobili, siamo noi che dopo un'avventura non siamo più gli stessi." Royal Robbins

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Anche tu nel CLUB ?
Novità e contenuti in anteprima.

Subito un Ebook FREE per te!
Entra nel CLUB
L'iscrizione è GRATIS e SICURA!
Chiudi

Anche tu nel CLUB ?

Novità e contenuti in anteprima.

Subito un EBOOK free per te!
L'iscrizione è GRATIS e SICURA!
close-link

Anche tu nel CLUB ?

Novità e contenuti in anteprima.

Subito un Ebook FREE per te!
L'iscrizione è GRATIS e SICURA!
close-link